Location

posizione

Kastellorizo (chiamata anche Kastelorizo o Megisti) è l’isola greca situata più a est nel Mar Egeo e rappresenta contemporaneamente l’estremità orientale della Grecia e dell’Europa.

Antonis e Cristina Patiniotis – Mandraki Paradise

Notizie generali su Katellorizo (Megisti)

Kastellorizo (chiamata anche Kastelorizo o Megisti) è l’isola greca situata più a est nel Mar Egeo e rappresenta contemporaneamente l’estremità orientale della Grecia e dell’Europa. Fa parte dell’arcipelago del Dodecaneso, nella regione del Sud Egeo. Si trova a 12,5 miglia nautiche dalle coste turche, a 72 miglia nautiche da Rodi, a 380 miglia nautiche dalla capitale Atene e 150 miglia nautiche da Cipro. Kastellorizo ha una superficie di circa 9 km e un perimetro di circa 20 km

Megisti è la denominazione ufficiale di Kastellorizo, che significa “la più grande”. Si dice che sia dovuta al nome del re Magistea, oppure al fatto che è la maggiore del complesso di piccole isole che la circonda, la più famosa delle quali è Ro. Il nome “Kastellorizo” deriva dalle parole “castello rosso”, per il colore della pietra con cui è costruito il castello situato all’uscita del porto.

L’isola è molto piccola ma è splendida. E’ dotata di un porto naturale, circondato da 250 casette abitate. Pur essendo pochi, i residenti sono persone accoglienti e cordiali.

Le pittoresche casette neoclassiche a due piani, con i loro portoni colorati, i balconi lignei e i tetti in ceramica, così come le imponenti cappelle delle chiese, si ergono a testimonianza del suo glorioso passato.

A Kastellorizo si può godere del mare e del clima caldo, lontano dalla confusione della città. Si può, inoltre, gustare la cucina a base di pesce fresco in una delle caratteristiche taverne del lungomare e si possono assaggiare alcuni particolari dolci locali, come i “katumaria” e l’ “halvà”.

Ogni giorno è possibile fare il bagno a San Giorgio, a Santo Stefano, alle “Plakes” e a Mandraki.

Momumenti e luochi da visitare

L’isola, oltre al suo glorioso passato, offre l’opportunità di effettuare escusioni per famiglie e splendide passeggiate. Inoltre, è possibile visitare luoghi suggestivi e i monumenti, descritti qui di seguito.

LA CATTEDRALE DI SAN COSTANTINO E SANTA ELENA (1853)La Cattedrale di San Costantino e Santa Elena(1853)

La grande cattedrale di San Costantino e di Santa Elena, i due santi protettori di Kastellorizo, è costruita sul punto più prominente dell’isola, sopra Mandraki. E’ uno splendido monumento architettonico e religioso, profondamente legato alla vita sociale e culturale di Kastellorizo, a partire dalla sua fondazione fino ad arrivare ad oggi. La chiesa è una meravigliosa opera d’arte, costituita da tre navate, riccamente adornata da icone, con un’iconostasi in marmo, e un’altissima torre campanaria.

Il tetto della cattedrale poggia su dodici pilastri granitici trasportati da Patara (Licia) durante l’edificazione della chiesa. Secondo la tradizione, questi pilastri provengono dall’antico tempio di Apollo in Asia Minore.

La tomba Licia

Lici si chiamavano i residenti della zona dell’Asia Minore, in quanto il loro dio, Apollo Licio, era adorato come lupo (in greco “λυkoς”). La tomba Licia risale al IV secolo a.C. ed è scolpita nella roccia ai piedi del castello.

Il catello dei cavalieri

Ritenuto il monumento più importante e più antico dell’isola, si trova nella zona occidentale. Il Castello rappresenta un antico insediamento costituito da diverse strutture murarie e cisterne. Nell’acropoli dorica del III secolo a.C. si conserva un’iscrizione in cui è riportato il nome “Megisti”. Nella stessa zona, più precisamente a Limenari, si possono ammirare i resti delle mura ciclopiche.

La Grotta Azzurra

La Grotta Azzurra di Kastellorizo è conosciuta anche con il nome di “Grotta di Parastà” o “Delle Foche” (data la presenza di questi animali al suo interno). E’ ritenuta uno dei più rari e sorprendenti fenomeni geologici che la nostra terra meravigliosa nasconde nel suo abbraccio e da sola rappresenta un motivo sufficiente per programmare un viaggio nella nostra piccola isola. Dista 3 miglia nautiche dal porto principale e rappresenta la più grande e la più bella grotta marina della Grecia, e una delle più belle del Mediterraneo.

E’ ricca di formazioni stalactitiche ed è illuminata dai raggi riflessi dal mare e ciò la rende uno spettacolo suggestivo e unico nel suo genere. Si trova nel punto meridionale dell’isola, all’interno ha una lunghezza di circa 150 m. , una larghezza di 37 m. e un’altezza di circa 40 m., mentre l’entrata, che guarda a est, ha dimensioni tali da permettere l’accesso solo a una piccola barca in condizioni di bonaccia. Le calme acque della grotta somigliano a uno specchio verdeazzurro con infiniti riflessi che illuminano questo immenso palazzo delle meraviglie, ricco di stalactiti e abitato da una numerosa popolazione di colombi selvatici di diversi colori.

La visita alla grotta è possibile solo per mezzo di una barca.

Il Museo

Il museo si trova vicino alle rovine del castello ed espone reperti di valore inestimabile risalenti a diversi periodi dell’antichità, oltre a oggetti di artigianato popolare. Attraverso la visita al museo e la proiezione di un videodocumentario che si svolge ogni giorno alle 12:00, è possibile ripercorrere l’intera storia dell’isola.

San Giorgio del monte

Durante la vostra passeggiata lungo i vicoli in pietra intorno al porto, non dovreste rinunciare a salire i 401 scalini che conducono a San Giorgio del Monte, un monastero che si trova nella zona del Castello dei Cavalieri. E’ circondato da lastre naturali di roccia e al suo interno si trova la catacomba di San Karalambo. Durante il tragitto verso o dal monastero potrete scattare meravigliose fotografie panoramiche dell’isola e del porto.

L’isoletta di Ro

A sud-ovest di Kastellorizo è situata la piccola isola di Ro, che è raggiungibile tramite battello. La sua fama è dovuta alla signora di Ro, che era l’unica residente, la quale per decenni ha custodito l’isola alzando la bandiera greca ogni mattina.

Feste e usanze

Santo Costantino e Santa Elena sono i protettori dell’isola e vengono festeggiati il 21 Maggio. In loro onore viene celebrata una funzione religiosa, dopo la quale segue una grande festa che coinvolge tutti i membri della comunità.

La festa più importante dell’isola però si svolge il 19 Luglio ed è dedicata al Profeta Elia. Quel giorno gli isolani sono soliti cercare di bagnarsi l’un l’altro con l’acqua di mare e spingersi in mare reciprocamente mentre nella piazza del porto, il cuore della festa, un’orchestra suona musica dal vivo.Analoghi festeggiamenti si svolgono il 15 Agosto, la festa dell’Assunzione di Maria, nella zona “horafia”.

Il 13 Settembre si celebra l’anniversario della librazione dell’isola e della sua riunione con la Grecia con varie manifestazioni.

Le nostre usanze e la particolare bellezza dei paesaggi dell’isola attraggono anche molti stranieri per la celebrazione di matrimoni e battesimi.